Questo sito utilizza i cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo.  
Via Travai, 22 - 38122 - Trento - Italy
Tel. 0461/262002
Fax 0461/1860249 - info@sbadige.com
P.I. e C.F. 00694080227
Dal Lunedì al Sabato 9.30-12.00 e 15.30-19.00
CERCA:  
DIPINTI - DISEGNI - SCULTURE.



 
Sei in: DIPINTI - DISEGNI - SCULTURE. - Armani, Ernesto Giuliano. (1896-1986)
CODICE: 79206 (da fornire per ordini telefonici)
Autore: ARMANI, Ernesto Giuliano.
Titolo: Pioggia in città.
Anno: [1935]?
Stato di Conservazione: Più che buono.
Descrizione fisica: Tecnica mista di cm 60x40 circa.
Ernesto G. Armani (1898-1986) è uno dei tanti artisti formatisi presso la Scuola Reale Elisabettiana di Rovereto, istituzione che ospitò le prime ricerche di personalità del calibro di Depero e Melotti. Bellissimi i diafani paesaggi ad acquarello, imbevuti della luce tremolante dell’alba e di quella più accecante del meriggio, ritraenti scorci da cartolina come Castel Sant’Angelo a Roma o il ponte sul Tamigi a Londra; acquerelli che fecero apprezzare l’artista specialmente all’estero, tanto che tra 1928 e 1929 furono esposti in più occasioni tra Germania e Olanda, mentre negli anni Trenta e poi nei Cinquanta sbarcarono, assieme alla produzione ad olio, anche in America del Sud. Il paesaggio atmosferico è il timbro dell’artista che si ripete in un’accezione sempre diversa, utilizzando ora gli effetti di rifrazione provocati dalla pioggia, come in ”I piccioni di piazza Duomo a Milano” (1945) o in ”Londra. Abbazia di Westminster” (1952), ora le sfumature penetranti della nebbia -è questo il caso di opere come ”Parigi. La cattedrale nella nebbia” (1952) o ”Vienna. Le carrozzelle” (1953) -, ora la luce abbagliante e tersa del sole, come in ”Aratura in Toscana” (1940) o ”Luci nel bosco” (1943).
Una sottile armonia vibrante caratterizza tutte le sue opere, armonia capace perfino di presentare senza ombra di contrasto una veduta del Duomo di Milano in cui una carrozza a cavalli convive pacificamente con una colonna d’automobili rallentata dal traffico. Il tema della carrozza a cavalli ritorna del resto in molti lavori, quasi a voler fissare un mondo, un ritmo che l’artista nel secondo dopoguerra vede inesorabilmente scomparire, travolto dall’incalzare della frenesia. In questa direzione spingono anche i dipinti dedicati al lavoro nei campi, che in opere come ”Controluce alla foce” (1936) sono capaci di offrire sogni bucolici di reminescenza ancora ottocentesca. Firmato in basso a sinistra, si vende in cornice.
INFORMAZIONI PER L'ORDINE
PREZZO: 3000.00 €    RICHIEDI INFORMAZIONI
Riepilogo Ordine
Articoli:    0
Totale Ordine:   0 €
Area Riservata
Informazioni
Tel . +39 0461 262002 info@sbadige.com
Compila il modulo
RICHIESTE INFO