Informativa

In questo sito utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, cookie di terze parti anche per altre finalità.
Cliccando su 'Accetta' acconsenti alla memorizzazione dei cookie sul tuo dispositivo.
Cliccando su 'Rifiuta' autorizzi esclusivamente i cookies con finalità tecniche, tuttavia in questo caso alcune funzionalità del sito potrebbero non essere disponibili.

Accetta
Rifiuta
Scopri di più e personalizza

Roma. Fontana dell'esedra. ARMANI, Ernesto Giuliano.

  • Roma. Fontana dell'esedra.
  • Roma. Fontana dell'esedra.
  • Roma. Fontana dell'esedra.
  • Roma. Fontana dell'esedra.
  • Roma. Fontana dell'esedra.
  • Roma. Fontana dell'esedra.
3000.00 €
ARMANI, Ernesto Giuliano.
Roma. Fontana dell'esedra.
Spedizione
Disponibile
Ritiro in negozio
Disponibile
  • CODICE PRODOTTO: 74035

  • Autore:
    ARMANI, Ernesto Giuliano.
  • Titolo:
    Roma. Fontana dell'esedra.
  • Casa Editrice:
  • Anno:
    [1935]?
  • Stato di Conservazione:
    Più che buono.
  • Descrizione fisica:
    Tecnica mista di cm 50x40 circa.
  • Note:
    Ernesto G. Armani (1898-1986) è uno dei tanti artisti formatisi presso la Scuola Reale Elisabettiana di Rovereto, istituzione che ospitò le prime ricerche di personalità del calibro di Depero e Melotti. Bellissimi i diafani paesaggi ad acquarello, imbevuti della luce tremolante dell'alba e di quella più accecante del meriggio, ritraenti scorci da cartolina come Castel Sant'Angelo a Roma o il ponte sul Tamigi a Londra; acquerelli che fecero apprezzare l'artista specialmente all'estero, tanto che tra 1928 e 1929 furono esposti in più occasioni tra Germania e Olanda, mentre negli anni Trenta e poi nei Cinquanta sbarcarono, assieme alla produzione ad olio, anche in America del Sud. Il paesaggio atmosferico è il timbro dell'artista che si ripete in un'accezione sempre diversa, utilizzando ora gli effetti di rifrazione provocati dalla pioggia, come in "I piccioni di piazza Duomo a Milano" (1945) o in "Londra. Abbazia di Westminster" (1952), ora le sfumature penetranti della nebbia -è questo il caso di opere come "Parigi. La cattedrale nella nebbia" (1952) o "Vienna. Le carrozzelle" (1953) -, ora la luce abbagliante e tersa del sole, come in "Aratura in Toscana" (1940) o "Luci nel bosco" (1943)."<br>Una sottile armonia vibrante caratterizza tutte le sue opere, armonia capace perfino di presentare senza ombra di contrasto una veduta del Duomo di Milano in cui una carrozza a cavalli convive pacificamente con una colonna d'automobili rallentata dal traffico. Il tema della carrozza a cavalli ritorna del resto in molti lavori, quasi a voler fissare un mondo, un ritmo che l'artista nel secondo dopoguerra vede inesorabilmente scomparire, travolto dall'incalzare della frenesia. In questa direzione spingono anche i dipinti dedicati al lavoro nei campi, che in opere come "Controluce alla foce" (1936) sono capaci di offrire sogni bucolici di reminescenza ancora ottocentesca. Firmato in basso a sinistra, si vende in cornice."<br>

Avvisami quando disponibile

Quando questo prodotto sarà nuovamente disponibile inviami un promemoria al seguente indirizzo email :



Registrazione eseguita

Ti verrà inviato una segnalazione non appena il prodotto sarà nuovamente disponibile.